pl_image0001 Sensori di posizione induttivi a microbobine su chip di silicio Posic S.A. Svizzera
axu_rotante

I sensori di posizione induttivi POSIC combinano i vantaggi dell'integrazione su silicio ed il principio del sensore induttivo. Usando a tecnologia denominata coil-on-chip, i classici voluminosi avvolgimenti delle bobine dei relativi resolver e LVDT si riducono alla dimensione di un chip di silicio, sul quale vengono ricavate delle bobine planari in rame.

In alcuni modelli, un circuito integrato ASIC contenuto nello stesso packaging effettua il condizionamento del segnale e provvede a realizzare una robusta interfaccia, adatta al motion control e alle applicazioni di controllo industriale.

I sensori di posizione induttivi POSIC utilizzano una tecnologia proprietaria che ne permette l'impiego anche in presenza di campi magnetici perturbanti (nei motori elettrici, negli attuatori elettromagnetici, vicino a cavi elettrici percorsi da elevate correnti).

La resistenza alle interferenze elettromagnetiche e' ottima, data la configurazione del sistema.

Le dimensioni sono minime, e non servono magneti.

L'assenza di magneti permette di ottenere un livello di affidabilita' impensabile con altri tipi di sensori che impiegano magneti (bias-magnet o Hall o magnetoresitivi).

Capacità di rilevare target in materiali metallici non magnetici, come alluminio, ottone, rame, anche in condizioni operative estreme.

Tutti i sensori sono venduti in confezioni minime di 5 pezzi; il prezzo per i 5 pezzi vale fino a 95 pezzi.

Per forniture da 100 pezzi o multipli di 100 - tutti con la stessa caratterizzazione - il prezzo risulta ridotto.

I prezzi diventano particolarmente interessanti per forniture di 1000 sensori tutti insieme in un solo lotto.

Informazioni aggiornate sul sito posic.com





Questo sito utilizza cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro utilizzo. Informativa estesaAccetto